OncoBREAST Dx – Test diagnostico per cancro al seno

Panoramica

OncoBREAST Dx è una soluzione innovativa, non invasiva, accurata, conveniente, convalidato, appositamente sviluppato per aiutare nella diagnosi del cancro al seno, nonché di confermare la stessa ―come integrare i risultati ottenuti da immagini sospette procedure, al fine di ridurre il numero di biopsie tissutali non necessarie a cui i pazienti devono sottoporsi―. Ha anche potenziali usi per il monitoraggio del trattamento, la prognosi e la sorveglianza delle recidive.

OncoBREAST Dx calcola il rischio da un punteggio ottenuto da diversi biomarcatori del paziente (principalmente marcatori tumorali e alcune informazioni cliniche dello stesso).

 

 

Click here to download the brochure in PDF format.

 

Marcatori tumorali

I marcatori tumorali sono sostanze rilasciate dalle cellule tumorali, che entrano nel flusso sanguigno o in altri fluidi biologici e sono utili per la diagnosi, la prognosi e il monitoraggio del trattamento in diversi tipi di cancro.

La maggior parte marcatori tumorali non sono specifici per ogni tipo di cancro e le differenze tra malattie benigne e maligne sono quantitativo (ad esempio, pazienti con tumori epiteliali tendono ad avere livelli significativamente più elevati di questi marcatori tumorali pazienti senza malignità).

Attualmente, ci sono oltre 20 parametri ben noti che sono ampiamente considerati come marcatori tumorali, come PSA ―correlato al cancro alla prostata―, il CA 15.3 ―correlato al cancro mammario―, CA 125 e HE4 ―correlato del carcinoma ovarico―, CEA e CA 19.9 ―correlato a diversi tipi di cancro gastrointestinale (colon-retto, del pancreas e dello stomaco)―, o NSE e ProGRP ―correlato al cancro de polmone―.

Tuttavia, ci sono una varietà di fattori che possono influenzare l’accuratezza dei marcatori tumorali in quanto aumentano i loro livelli senza la presenza di malignità. Il motivo principale sono le malattie benigne, sebbene possano anche influire su diverse interferenze tecniche.

A questo proposito, la Società Spagnola di Biochimica Clinica e Patologia Molecolare, Commissione di Biomarcatori Tumorali, stabiliti i Criteri di Barcellona, 4 criteri in cerca di aiuto distinguere e valutare correttamente i risultati di marcatori tumorali e ridurre il numero di falsi positivi (FP):

  1. Valutazione delle concentrazioni sieriche dei marcatori tumorali.
  2. Scarto di patologie benigne come principale fonte di falsi positivi.
  3. Raccomandazione di tracciato se i marcatori tumorali mostrano risultati moderati (Zona Grigia/Indeterminato).
  4. Eliminazione di interferenze tecniche.

Misure statistiche nei test diagnostici

Sfortunatamente, l’uso di marcatori tumorali nella routine presenta anche altri problemi, come la bassa sensibilità nelle prime fasi o l’assenza di un marker tumorale specifico per ciascun tumore maligno. Tuttavia, la combinazione di 2 o più marcatori tumorali produce risultati migliori, specialmente negli stadi avanzati.

In questo senso, la combinazione di diversi marcatori tumorali ―così come l’inclusione di informazioni dalla storia clinica del paziente nei calcoli―, utilizzando algoritmi complessi con più variabili, si traduce in maggiore sensibilità e specificità: questo è ciò che abbiamo battezzato come MBDAA (dall’inglese, Multiple Biomarkers Disease Activity Algorithms).

La sensibilità di un test diagnostico è la percentuale di positivi reali che sono correttamente identificati e la specificità è la proporzione di veri negativi che sono classificati correttamente. Entrambe le variabili sono strettamente collegate tra loro e danno un’idea della precisione di tale test.

Un test che identifica correttamente tutti i veri positivi come positivi, ma che ha molti falsi negativi con una sensibilità del 100%, ma una bassa specificità. Ad esempio, la sensibilità misura il numero di tumori maligni che sono correttamente identificati come tumori, mentre la specificità misura il numero di tumori non maligni che sono correttamente identificati come benigni. Un’alta sensibilità significa meno tumori diagnosticati come benigni e un’alta specificità significa meno tumori benigni diagnosticati come maligni.

Inoltre, il valore predittivo positivo (VPP) è il numero di veri positivi identificati correttamente sul totale dei positivi. Un test con molti falsi positivi avrà un VPP basso. D’altra parte, il valore predittivo negativo (VPN) è il numero di veri negativi identificati correttamente sul totale dei negativi reali. Un alto valore VPN significa che pochissimi veri positivi sono stati erroneamente identificati come negativi.

Tutti questi diversi parametri possono essere rappresentati insieme in un grafico noto come curva ROC (dall’inglese, Receiving Operator Curve), dove vengono mostrati risultati migliori con curve che tendono ad avvicinarsi all’angolo superiore sinistro dell’immagine (sensibilità al 100% e specificità al 100%).

Curva ROC

La curva ROC del test OncoBREAST Dx ―basata sul conteggio combinato dei marcatori tumorali CA 15.3, CEA, EGFR, NSE, NGAL e 8-OHdG; diverse comorbidità, così come altri dati da 3.655 pazienti (aggiustati in seguito da risultati di altre indagini)―, mostra alcune capacità diagnostiche davvero interessanti: sensibilità 91,7% e specificità 93,6%.

ROC-Curve-MBDAA-BREAST-EN

Come funziona

Come tutti i test MBDAA di BIOPROGNOS, OncoBREAST Dx è disponibile online tramite accesso sicuro alla nostra piattaforma Cloud. Come una soluzione cloud, OncoBREAST Dx è stato progettato per essere utilizzato in modalità Software as a Service (SaaS), vale a dire, nessuna installazione, nessun aggiornamenti periodici, a basso costo totale di proprietà e senza costi di manutenzione.

In questo modo, i medici oi tecnici di laboratorio devono compilare il modulo online solo con i valori precedentemente ottenuti dai pazienti (dati personali, storia familiare, stato della menopausa, comorbidità, valori dei marcatori tumorali e reperti mediante tomografia computerizzata o mammografia) e fare clic sul pulsante Invia per ottenere il rischio di avere il cancro al seno.

Fogli d’ordine

Per facilitare il lavoro, i medici possono scaricare e compilare il modulo d’ordine di prova OncoBREAST Dx in modo rapido e semplice ―con tutti i dati necessari per un calcolo del rischio ottimale già dettagliato―.

breast-cancer-report-sample

Clicca qui per scaricare il foglio d’ordine di OncoBREAST Dx in formato PDF.

Relazione finale

Dopo che i medici hanno inserito i dati del paziente nel modulo online, l’applicazione presenta i risultati su una schermata separata, consentendo di scaricare o inviare via e-mail il loro documento PDF di conversione.

breast-cancer-report-sample

Clicca qui per scaricare il report in formato PDF.

Il rapporto comprende due sezioni principali: Informazioni sui pazienti e Risultati. Nella prima vengono visualizzati tutti i dati del paziente precedentemente immessi per il monitoraggio. Il secondo include: Risultati, che indicano se i livelli dei marcatori tumorali rientrano nel range di normalità o meno; Rischio, con una barra di punteggio che mostra la probabilità di avere un cancro; Commenti, creati dinamicamente per aiutare i medici e gli operatori sanitari a capire in modo semplice come sono stati rilevati falsi positivi (come i livelli di marcatori tumorali sospettati di cancro, ma considerando le altre variabili nel loro complesso, corrisponde a risultati maligni); e, infine, le Conclusioni, con raccomandazioni che suggeriscono la presenza di cancro, ripetere il test in 4 settimane (per il rischio moderato, cioè quei casi in cui i livelli di marcatori tumorali sono più alti del normale, ma nel che non è chiaro essere ad alto rischio), o ripetere il test in 1 anno per risultati a basso rischio.

Nota che il rapporto finale è solo per gli operatori sanitari ―non per i pazienti― poiché OncoBREAST Dx è stato progettato come “uno strumento per aiutare gli operatori sanitari nella diagnosi del cancro” e certificato a tal fine dalla DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ CE (Direttiva sui Dispositivi Medici 93/42/CEE, Classe I, Regola 12).

Dichiarazione di conformità CE

OncoBREAST Dx ha la Dichiarazione di Conformità CE che certifica che è stata valutata per soddisfare i requisiti di sicurezza, salute e protezione ambientale.

Clicca qui per scaricare la DICHIARAZIONE DI CONFORMITÀ CE di OncoBREAST Dx in formato PDF.

Questa dichiarazione certifica il test OncoBREAST Dx per tutto lo Spazio Economico Europeo (SEE).

Inoltre, vi sono anche altri due importanti vantaggi concessi dal marchio CE, sia per le aziende che per i consumatori nel SEE:

  • Le aziende hanno la garanzia che i prodotti con marchio CE possono essere commercializzati in tutto il SEE.
  • I consumatori hanno la garanzia che lo stesso livello di salute, sicurezza e protezione ambientale è disponibile in tutto il SEE.

Usi e finalità di OncoBREAST Dx

OncoBREAST Dx è stato sviluppato per:

  • Aiuto valutazioni diagnostiche per i pazienti ad alto rischio (le donne con una storia familiare di cancro al seno su 40, per la quale è raddoppiato il rischio se v’è una precedente diagnosi di una laurea di primo livello, o per i quali il rischio aumenta di cinque volte se ci sono due parenti di primo grado, così come le donne con mutazioni genetiche nei geni BRCA1 o BRCA2, e il gene CHEK2).
  • Donne con un grumo sospetto al petto.
  • Confermare o escludere risultati malignità ottenuti in precedenza con altri test, come la tomografia computerizzata (TC) o risonanza magnetica (MRI) dovute al maggiore sensibilità e specificità di procedure di immage, come metodo complementare per quei pazienti con livelli BIRADS 3 o 4 a (immagine del seno sospetto che trovano per essere sottoposte a biopsia per verificare il cancro malignità).
  • Aiuta i medici a prevedere il comportamento del cancro e la sua risposta al trattamento, nonché le possibilità di recupero di una persona.
  • Guida nelle decisioni di trattamento (aiuta a decidere se l’immunoterapia deve essere aggiunta dopo l’intervento chirurgico e/o la radioterapia); monitoraggio della terapia (medici possono utilizzare i cambiamenti in presenza o quantità di uno o più marcatori tumorali per valutare come il tumore risponde al trattamento); e prevedere possibili recidive o di monitoraggio (rilevare cambiamenti nei valori dei marcatori tumorali nei controlli seriali può essere parte del piano di monitoraggio, che consentono di individuare una recidiva prima altri metodi).

La scienza alla base di OncoBREAST Dx

Ricerca di riferimento

  1. Bayo J., Castaño M. A., Rivera F. and Navarro F. (2017). “Analysis of blood markers for early breast cancer diagnosis”. Clin Transl Oncol. Springer. DOI: 10.1007/s12094-017-1731-1
  2. Molina R., Filella X., Trapé J., Augé J. M., Barco A., Cañizares F., Colomer A., Fernandez A., Gaspar M. J., Martinez-Peinado A., Pérez L., Sánchez M., Escudero J. M. (2013). “Principales causas de falsos positivos en los resultados de marcadores tumorales en suero”. Sociedad Española de Bioquímica Clínica y Patología Molecular. Comisión de Marcadores Biológicos del Cáncer. PDF

Altre ricerche correlate

  • Asgeirsson K. S., Agrawal A., Allen C., Hitch A., Ellis I. O., Chapman C., Cheung K. L. and Robertson J. F. “Serum epidermal growth factor receptor and HER2 expression in primary and metastatic breast cancer patients”. Breast Cancer Res. 2007;9(6):R75. DOI: 10.1186/bcr1788
  • Duffy M.J., Harbeck N., Nap M., Molina R., Nicolini A., Senkus E. and Cardoso F. “Clinical use of biomarkers in breast cancer – Updated Guidelines from the European Group on Tumor Markers (EGTM)”. M.J. Duffy et al. / European Journal of Cancer 75 (2017) 284e298 DOI: 10.1016/j.ejca.2017.01.017
  • Kees A. Yedema K. A., Kenemans P., Wobbes T., Van Kamp G. J., De Bruijns H. W., Thomas C. M., Massuger L. F., Schijf C. P., Bon G. G., Vermorken J. B., Voorhorst F. and Hilgers J. (1991). “Carcinoma-Associated Mucin Serum Markers CA M26 and CA M29: Efficacy in Detecting and Monitoring Patients with Cancer of fhe Breast, Colon, Ovary, Endometrium and Cervix”. Int. J . Cancer: 47, 170-179 (1991). Wiley-Liss, Inc. PMID: 1988362
  • Ławicki S., Głażewska E. K., Sobolewska M., Będkowska G. E. and Szmitkowski M. (2016). “Plasma Levels and Diagnostic Utility of Macrophage Colony-Stimulating Factor, Matrix Metalloproteinase-9, and Tissue Inhibitor of Metalloproteinases-1 as New Biomarkers of Breast Cancer”. Ann Lab Med. 2016 May;36(3):223229. English. The Korean Society for Laboratory Medicine. DOI: 10.3343/alm.2016.36.3.223
  • Ławicki S., Zajkowska M., Głażewska E. K., Szmitkowski M. (2016). “Plasma levels and diagnostic utility of VEGF, MMP-9, and TIMP-1 in the diagnosis of patients with breast cancer”. OncoTargets and Therapy. Dovepress. DOI: 10.2147/OTT.S99959
  • Lazarus E., Mainiero M. B., Schepps B., Koelliker S. L. and Livingston L. S. (2006). “BI-RADS Lexicon for US and Mammography: Interobserver Variability and Positive Predictive Value”. Radiology. 2006 May; 239(2):385-91. Epub 2006 Mar 28. DOI: 10.1148/radiol.2392042127
  • Martensson J, Bell M, Xu S, Bottai M, Ravn B, Venge P, et al. “Association of plasma neutrophil gelatinase-associated lipocalin (NGAL) with sepsis and acute kidney dysfunction”. Biomarkers. 2013;18:349–56. DOI: 10.3109/1354750X.2013.787460
  • Martoni A.,Zamagni C., Bellanova B., Zanichelli L., (1995). “CEA, MCA, CA 15.3 and CA 549 and their combinations in Expressing and Monitoring Metastatic Breast Cancer: a Prospective Comparative Study”. European Journal of Cancer Vol. 31A, No. 10 pp. 1615-1621, 1995. Elsevier Science Ltd. PMID: 7488411
  • Mendoza H., Cisneros L., Martin-Ramos J. and Arango J. (2009). “BI-RADS 3. ¿Realmente son hallazgos benignos? Variabilidad interobservador”. Anales de Radiología México 2009;2:173-176. Artículos originales. PDF
  • Molina R., Augé J. M., Escudero J. M., Filella X., Zanon G., Pahisa J., Farrus B., Muñoz M., Velasco M. (2010). “Evaluation of tumor markers (HER-2/neu oncoprotein, CEA, and CA 15.3) in patients with locoregional breast cancer: prognostic value”. Tumor Biol. (2010) 31:171–180. DOI 10.1007/s13277-010-0025-9. DOI: 10.1007/s13277-010-0025-9
  • Molina R., Augé J. M., Farrus B., Zanon G., Pahisa J., Muñoz M., Torné A., Filella X., Escudero J. M., Fernández P., Velasco M. (2010). “Prospective Evaluation of Carcinoembryonic Antigen (CEA) and Carbohydrate Antigen 15.3 (CA 15.3) in Patients with Primary Locoregional Breast Cancer”. Clinical Chemistry 56:7, 1148–1157 (2010), Cancer Diagnostics. DOI: 10.1373/clinchem.2009.135566
  • Molina R., Barak V., van Dalen A., Duffy M. J., Einarsson R., Gion M., Goike H., Lamerz R., Nap M., Sölétormos G. and Stieber P. “Tumor Markers in Breast Cancer – European Group on Tumor Markers (EGTM)”. Tumor Biol 2005 ;26:281–293 DOI: 10.1159/000089260
  • Pande D, Negi R, Karki K, Khanna S, Khanna RS, Khanna HD. “Oxidative damage markers as possible discriminatory biomarkers in breast carcinoma”. Transl Res. 2012;160:411–8. DOI: 10.1089/jwh.2016.5973
  • Sedgwick E. L., Ebuoma L., Hamame A., Phalak K., Ruiz-Flores L., Ortiz-Perez T. and Sepulveda K. A. (2015). “BI-RADS update for breast cancer caregivers”. Breast Cancer Res Treat (2015) 150:243–254. 3. DOI 10.1007/s10549-015-3332-4
  • Tas F, Bilgin E, Karabulut S, Duranyildiz D. “Clinical significance of serum epidermal growth factor receptor (EGFR) levels in patients with breast cancer”. Cytokine. 2015;71:66–70. DOI: 10.1016/j.cyto.2014.09.001
  • Valavanidis A, Vlachogianni T, Fiotakis C. “8-hydroxy-2-deoxyguanosine(8-OHdG): a critical biomarker of oxidative stress and carcinogenesis”. J Environ Sci Health C Environ Carcinog Ecotoxicol Rev. 2009;27:120–39. DOI: 10.1080/10590500902885684
  • Wenners AS, Mehta K, Loibl S, Park H, Mueller B, Arnold N, et al. “Neutrophil gelatinase associated lipocalin (NGAL) predicts response to neoadjuvant chemotherapy and clinical outcome in primary human breast cancer”. PLoS One. 2012;7:e45826. DOI: 10.1371/journal.pone.0045826
  •