La genetica del cancro

Panoramica

Il cancro è una malattia genetica, cioè il cancro è causato da alcuni cambiamenti nei geni che controllano il modo in cui le nostre cellule funzionano, specialmente come crescono e si dividono.

I geni portano istruzioni per produrre proteine, che svolgono gran parte del lavoro nelle nostre cellule. Certi cambiamenti genetici possono causare alle cellule di eludere i normali controlli di crescita e trasformarsi in cancro. Ad esempio, alcuni cambiamenti in questi geni che causano il cancro causano un aumento della produzione di una proteina che causa la crescita delle cellule. Altri determinano la produzione di una forma deformata, e quindi non funzionale, di una proteina che normalmente ripara il danno cellulare.

Cambiamenti genetici e cancro

I cambiamenti genetici che causano il cancro possono essere ereditati dai nostri genitori se i cambiamenti sono presenti nelle cellule germinali, che sono le cellule riproduttive del corpo (ovuli e spermatozoi). Tali cambiamenti, chiamati cambiamenti nella linea germinale, si trovano in ogni cellula della prole.

I cambiamenti genetici che causano il cancro possono anche essere acquisiti durante la vita, a causa di errori che si verificano quando le cellule sono divise o l’esposizione a sostanze cancerogene che danneggiano il DNA, come certe sostanze chimiche nel fumo di tabacco e nelle radiazioni o i raggi ultravioletti del sole. I cambiamenti genetici che avvengono dopo il concepimento sono chiamati cambiamenti somatici (o acquisiti).

Esistono molti diversi tipi di cambiamenti nel DNA. Alcuni cambiamenti riguardano solo una unità di DNA, chiamata nucleotide. Un nucleotide può essere sostituito da un altro o può essere completamente mancante. Altre modifiche coinvolgono più ampi tratti di DNA e possono includere riarrangiamenti, delezioni o duplicazioni di lunghi tratti di DNA.

A volte i cambiamenti non sono nella sequenza effettiva del DNA. Ad esempio, l’aggiunta o la rimozione di etichette chimiche, chiamate modificazioni epigenetiche, nel DNA può influenzare l’eventuale “espressione” del gene, cioè, se viene prodotto e quanto viene prodotto l’RNA messaggero. (L’RNA messaggero a sua volta viene tradotto per produrre le proteine codificate dal DNA).

In generale, le cellule tumorali hanno più cambiamenti genetici rispetto alle cellule normali. Ma il cancro di ogni persona ha una combinazione unica di alterazioni genetiche. Alcuni di questi cambiamenti possono essere il risultato del cancro, piuttosto che la causa. Mentre il cancro continua a crescere, si verificheranno ulteriori cambiamenti. Anche all’interno dello stesso tumore, le cellule tumorali possono avere diversi cambiamenti genetici.

Sindromi di cancro ereditario

Le mutazioni genetiche ereditarie svolgono un ruolo importante in circa il 5-10% di tutti i tumori. I ricercatori hanno collegato le mutazioni in specifici geni con più di 50 sindromi tumorali ereditarie, che sono disturbi che possono predisporre le persone a sviluppare determinati tipi di cancro.

I test genetici per le sindromi tumorali ereditarie possono determinare se una persona in una famiglia che mostra segni di tale sindrome ha una di queste mutazioni. Questi test possono anche dimostrare se i membri della famiglia senza malattia evidente hanno ereditato la stessa mutazione di un membro della famiglia che porta una mutazione associata al cancro.

Molti esperti raccomandano di prendere in considerazione i test genetici per il rischio di cancro quando qualcuno ha una storia personale o familiare che suggerisce un rischio di cancro malattia ereditaria, a condizione che i risultati dei test possono essere interpretati correttamente (cioè, possono indicare chiaramente se un cambiamento genetico specifico è presente o assente) e quando i risultati forniscono informazioni che aiuteranno a guidare le future cure mediche di una persona.

I tumori che non sono causati da mutazioni genetiche ereditarie possono a volte sembrare “ereditari”. Ad esempio, un ambiente o uno stile di vita condiviso, come l’uso del tabacco, può causare lo sviluppo di tumori simili tra i membri della famiglia. Tuttavia, alcuni modelli in una famiglia, come i tumori che si sviluppano, altre condizioni non cancerose osservati e le età in cui il cancro si sviluppa, possono suggerire la presenza di una sindrome ereditaria di cancro.

Anche se in una famiglia è presente una mutazione che predispone al cancro, non tutti quelli che ereditano la mutazione svilupperanno necessariamente il cancro. Diversi fattori influenzano l’esito in una data persona con la mutazione, incluso il modello di ereditarietà della sindrome del cancro

Questi sono esempi di geni che possono avere un ruolo nelle sindromi tumorali ereditarie:

  • Il gene più comunemente mutato in tutti i tumori è il TP53, che produce una proteina che sopprime la crescita dei tumori. Inoltre, le mutazioni germinali in questo gene possono causare la sindrome di Li-Fraumeni, un raro disturbo ereditario che porta ad un aumentato rischio di sviluppare determinati tipi di cancro.
  • Le mutazioni ereditarie nei geni BRCA1 e BRCA2 sono associate alla sindrome ereditaria del cancro al seno e alle ovaie, che è una malattia caratterizzata da un aumentato rischio di cancro al seno e alle ovaie nella vita delle donne. Altri tumori sono stati associati a questa sindrome, compresi i tumori pancreatici e della prostata, così come il cancro al seno maschile.
  • Un altro gene che produce una proteina che sopprime la crescita del tumore è il PTEN. Le mutazioni in questo gene sono associate alla sindrome di Cowden, una malattia ereditaria che aumenta il rischio di cancro al seno, alla tiroide, all’endometrio e ad altri tumori.

Test genetici per sindromi da cancro ereditarie

I test genetici per rilevare le mutazioni che causano sindromi da cancro ereditario sono di solito richiesti dal medico della persona o da altri operatori sanitari. La consulenza genetica può aiutare le persone a considerare i rischi, i benefici e i limiti dei test genetici nelle loro particolari situazioni.

Un consulente genetico, un medico o un altro professionista della salute addestrato in genetica può aiutare una persona o una famiglia a capire i risultati dei loro test e spiegare le possibili implicazioni dei risultati dei test per gli altri membri della famiglia.

Le persone che considerano i test genetici dovrebbero capire che i loro risultati possono essere conosciuti da altre persone o organizzazioni che hanno accesso legale e legittimo per la vostra cartella clinica, come la vostra compagnia di assicurazione o la società, se si forniscono paziente assicurazione sanitaria come un beneficio . Esistono protezioni legali per prevenire la discriminazione genetica, tra cui la legge sulla non discriminazione dei dati genetici del 2008 e la norma sulla privacy della legge sulla responsabilità e l’affidabilità delle informazioni sanitarie del 1996.

Identificazione dei cambiamenti genetici nel cancro

Test di laboratorio chiamati test di sequenziamento del DNA possono “leggere” il DNA. Confrontando la sequenza del DNA nelle cellule tumorali con quella delle cellule normali, come il sangue o la saliva, gli scienziati possono identificare i cambiamenti genetici nelle cellule tumorali che possono guidare la crescita del cancro di un individuo. Questa informazione può aiutare i medici a determinare quali terapie potrebbero funzionare meglio contro un particolare tumore.

Il sequenziamento del DNA del tumore può anche rivelare la presenza di mutazioni ereditarie. Infatti, in alcuni casi, i test genetici sui tumori hanno dimostrato che il cancro di un paziente potrebbe essere associato a una sindrome da cancro ereditaria di cui la famiglia non era a conoscenza.

Come con il test di specifiche mutazioni nelle sindromi tumorali ereditarie, il sequenziamento clinico del DNA ha implicazioni che i pazienti devono prendere in considerazione. Ad esempio, possono apprendere incidentalmente sulla presenza di mutazioni ereditarie che possono causare altre malattie, in loro o nei loro parenti.